Quale Merenda per Dimagrire?

Ed ecco la domanda di Valentina in data 04/03/2011:

Buonasera Enrica!

Sono Valentina, una ragazza di 28 anni con problemi con il cibo fin dall’ adolescenza. Ma ora grazie al tuo blog ed ai tuoi importantissimi consigli sto tornando ad essere magra naturalmente. Ho però un dubbio che spero potrai togliermi, dici di non mangiare mai al di fuori dei 3 pasti principali, mi puoi spiegare perchè; io non mangio, però un cappucino od un marocchino a metà mattina o metà pomeriggio, lo bevo. Faccio male? Grazie Enrica per il tuo meraviglioso blog e per i tuoi splendidi consigli.

Con affetto Vale.

Risposta:

Cara Valentina, il concentrare la propria attenzione solo nei pasti principali ha due motivazioni

  • una emotiva e di “regola” di vita, ma di “regola” utile e non ingabbiante. Il piacere concesso si, ma gestito. Sono io che decido quando dedicare il mio tempo alla trasgressione e non è la trasgressione che mi prende la mano.
  • uno fisiologico, che è tanto più utile, quanto più obesi siamo. Ed è quello di generare una sorta di “pace insulinica” fra un pasto ed un’altro.

Se per abitudine o per vera fame, si sente la necessità fra un pasto ed un altro di un “rompifame” va bene. Ma deve essere veramente un “rompifame”

  • un frutto (è quello che personalmente preferisco)
  • uno yogourt
  • un bicchiere di latte
  • e perchè no, anche 20 gr di cioccolata

Diciamocelo però con estrema onestà: non deve essere, il “rompifame”, l’occasione per lasciarsi andare.

Se questo accade, allora è meglio, molto meglio, limitarsi ai tre pasti e concentrare la propria attenzione solo ed esclusivamente su questi.

Ti posso dire che per me è molto importante il frutto o un cappuccino a metà mattinata. Non tanto perchè ho fame. Ma mi senve per “staccare”, per avere la scusa di fermarmi un momento. E’ di fatto una coccola che mi regalo. Mentre nel pomeriggio questo bisogno lo sento solo occasionalmente.

Spero di aver soddisfatto la tua curiosità

Enrica

Questa voce è stata pubblicata in La Posta Dei Lettori e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Quale Merenda per Dimagrire?

  1. Luisa scrive:

    Enrica, cosa scrivi mai!!! Se ti leggesse la Lambertucci!
    Proprio oggi era ospite a Se a casa di Paola, il programma pomeridiano di Paola Perego.
    Mai sentite tante assurdità in vita mia!!!
    In maiuscolo tutte le testuali parole dell’Illuminata.

    Allora, la Lambertucci sostiene che per dimagrire bisogna ELIMINARE GLI ZUCCHERI perché FANNO MALE (:-S);
    che TUTTI I PRODOTTI DELLA TERRA SONO ZUCCHERI (buahahahahahahahhhhhh) e di conseguenza FANNO MALE (quindi – deduzione mia – l’Iddio che ha creato questo mondo o è molto cattivo, o è poco lungimirante);
    che per dimagrire bisogna eliminare: PASTA, PANE, PATATE, VERDURA E FRUTTA (manco Hitler arrivava a questo);
    e mangiare solo proteine e verdure AMARE perché SONO LE UNICHE COSE CHE FANNO BENE (va bene che andiamo verso la Pasqua, e cena del popolo ebraico furono erbe amare, ma quella fu una necessità di fuga!);
    solo così si potrà conseguire un dimagrimento rapido, anche 5 chili in una settimana (ha detto proprio così, e qui ti ho pensato tanto, Enrica!!! ;-) ), perché TUTTI VOGLIONO DIMAGRIRE VELOCEMENTE, MICA UN CHILO AL MESE! (con tanto di gesto come per dire: seh, e quando ci sbrighiamo)

    Ora vorrei dire questo: come si fa ad ospitare una persona del genere in una trasmissione che guardano un po’ tutti? Veicolare certe informazioni così, liberamente, è deleterio, perché chi ascolta è portato a mettere in pratica simili assurdità proposte come la Verità rivelata.

    Infine, osservazione mia: in trasmissione si è anche parlato dell’alimentazione semidissociata (primo a pranzo e secondo a cena), e un’ospite ha detto che facendo così era ingrassata, dato che comunque esagerava con le dosi. La Lambertucci rideva, come per dire che la semidissociata non è un regime corretto, dimenticandosi che quando faceva Più Sani Più Belli, a Domenica In, i “concorrenti” seguivano giusto la dieta semidissociata, propalata dal “medico” (a questo punto le virgolette sono d’obbligo) Pierluigi Rossi come la panacea dell’obesità.

    Adesso mi chiedo: chi dei due è rimasto folgorato sulla via di Damasco dalla chimera della cosiddetta dieta iperproteica? E come si può dire che una dieta iperproteica sia depurativa, quando pure i sassi sanno che troppe proteine affaticano i reni? E perché la TV di Stato permette che simili idiozie siano trasmesse a cuor leggero?

    Spero che il mio intervento non causi problemi diplomatici: volevo solo sottolineare che l’argomento alimentazione è troppo maltrattato da persone poco preparate scientificamente (dire che le proteine fanno massa magra CHE SOSTITUISCE massa grassa è una panzana: le proteine da sole non sono certo paragonabili allo sport!) che però, data la rilevanza mediatica e il loro background in fatto di dieta, sono viste dal popolo della TV come consiglieri infallibili, innescando un processo nocivo alla salute.

    • delfino scrive:

      Buonasera Blog
      luisa, ho letto attentamente la tua mail…la tv propina queste cose, e poi si lamentano che la gente non paga il canone !!! ahahaha battute a parte!
      Per fortuna durante il giorno sono in studio e non vedo certi programmi, però a volte mi è capitato di vedere la Lambertucci e inoltre i suoi libri sono in tutti gli ipermercati in prima linea! Ho dato anche un’occhiata al suo sito, merita…per le baggianate!
      Comunque avrei una domanda per Enrica e per tutta l’allegra compagnia: io ho letto il libro La dieta paradossale di Nardone – che in parte riprende anche quello che consiglia enricva- , ed in questi giorni l’ho cominciata diciamo, mi sono concessa, come previsto, tutto ciò che ritenevo pribito da due giorni…merendine, pane, biscottini, brioches (solo nei pasti principali)…da due giorni! Beh mi sento tappata da paura…viva le verdure! Credo che domani avrò voglia di cibi sani! Almeno lo spero!
      La domanda è questa: mangiando così mi sento un po’ giù di morale…mi sento come triste e in colpa, anche se so che è la dieta che lo prescrive, ma oggi ho avuto una giornata tremenda, in cui mi veniva sempre da piangere! sarà la troppa seratonina?
      E poi non so, ho tanta paura…che anche se ho iniziato questo percorso di cambiotesta mi capiterà di scivolare…a voi non capita mai di scivolare nelle “abbuffate”? e come reagite? cioè da quando avete deciso di “cambiare testa” siete sempre state motivate, avete sempre seguito le vostre voglie senza più cadere? oppure gli episodi si sono diradati pain piano? io non devo dimagrire, ma devo perdere l’abitudine di mangiare abbufandomi di cibi poco poco sani…
      Enrica lo chiedo anche a te che ci sei passata!
      Buona serata a tutte
      delfino

      • Enrica scrive:

        Delfino, “La Dieta Paradossale” è uno dei libri più belli che ho letto, ma è un libro solo apparentemente semplice. E spesso genera fraintendimenti. Non ti dice che devi mangiare tutto quello che consideri proibito. Ma che è importante concededersi quello che amiamo di più e che desideriamo di più.
        In ogni caso hai ottenuto sulla tua pelle proprio una delle cose principali. Quella di scoprire che se ci si concede in grande quantità tutto quello che consideriamo proibito, dopo poco automaticamente ci stufiamo. Mentre se non ce lo concediamo, il desiderio di trasgredire diventa incontentenibile.
        Scoprire che tutto sommato quello che consideriamo proibito e desiderabile, poi non è così desiderabile è una gran bella scoperta emotiva e ci permette di creare un nuovo equilibrio.
        Bravissima. Ora puoi trovare un equilibrio fra la trasgressione e la normalità :D

      • Cecilia scrive:

        Ho passato due giorni a Roma con mia figlia e mia sorella e mi sono concessa (un po’ troppo!) cose che normalmente non mangio così in quantità. Soprattutto dolci (c’era una disfida in corso fra le “castagnole” che fanno qui dove vivo e quelle della pasticceria della mia infanzia, vicino casa di mia sorella. Diciamo che hanno pareggiato :-) ) e anche un trasgressivissimo menù completo da McDonald, con panino 1955… In più al riotrno nel pomeriggio di oggi, guidando da Roma a qui, ho mangiucchiato un po’ di cioccolata per “tenermi su” e non addormentarmi al volante… Non mi sono ancora pesata :-( però devo dire che al di là del peso che forse non sarà granchè cambiato (ho camminato tanto in questi due giorni!) è proprio la sensazione di pesantezza e la bocca un po’ amara che provo, la voglia di insalata e frutta a dirmi che la strada giusta è quella che ho intrapreso cercando di cambiare testa e seguire i consigli di questo blog e questo mi aiuterà (credo) a rendere queste trasgressioni sempre più rare e comunque a non drammatizzarle più di tanto. Almeno spero… ;-)

        • Enrica scrive:

          Ciao Cecilia, hai fatto benissimo a trasgredire alla grande. Ma scrivi anche “guidando da Roma a qui, ho mangiucchiato un po’ di cioccolata”. Nulla di grave per una volta, ma una regola fondamentael di “CambioTesta” è SCEGLIERE di non fare distinzione fra proibito e non proibito, purchè questo sia limitato nel tempo e nello spazio.
          Ottima comunque l’esperienza della “sensazione di pesantezza e la bocca un po’ amara” :-D … ti aiuterà a scegliere il limite della trasgressione :-D

    • Enrica scrive:

      Luisa, non temo problemi diplomatici, ma tu allerta il tuo avvocato :D

      • Luisa scrive:

        Non ce l’ho, perché il mio avvocato sono io! :-)
        Comunque, Delfino ha centrato ancor più il problema: se io scrivo un libro poco attendbile scientificamente, con concetti espressi male, e ci metto il mio faccione da esperta mediatica della dieta, e poi questo libro va in prima fila al supermarket o nelle librerie, che risultato otterrò?
        Otterrò che tante persone saranno allettate dai risultati ottenuti dagli ex-cicci (a proposito, saranno ancora magri dopo la dieta iperproteica di qualche anno fa?) visti in TV, acquisteranno il libro e, con molta libertà, inizieranno una dieta sbagliata, ricca di panzane ipergalattiche, che farà male a reni, stomaco, e all’umore!
        Tutto questo senza una supervisione di un medico vero.

        Per Delfino ho un piccolo consiglio: impara a distinguere la fame vera da quella nervosa. Hai mangiato molte cose dolci, e hai detto che ti piacciono: bene. Ma sei sicura che ti piacciano davvero? Oppure avevi magari stress accumulato che hai lasciato sfogare così? Tant’è che poi dici di essere andata sottotono…non è che eri in periodo di pre-ciclo? Forse il cibo c’entra con l’umore relativamente, in maniera indiretta…
        Quindi ti invito a cercare il cibo che ti piace davvero: magari scoprirai che ti piace il pomodoro alla caprese :-D o i funghi piastrati, o un altro piatto per te insospettabile…ma dovrai – penso io, poi non so – scoprire la differenza tra vera fame e fame nervosa; quando avrai fame, pensa a cosa vorresti mangiare: scommetto che non avrai fame di dolci, ma di cose “di sostanza” come pasta, carne, formaggio…Forse per te il dolce è solo un cibo-coccola, credi che sia il tuo cibo preferito solo perché ti consola, ma in realtà hai altri gusti: io, l’ho già detto in un altro post, da quando mangio rispettando il mio corpo, ho riacquistato la regolarità. ;-)
        Quindi questo mi sembra confermare quanto ti ho detto! Prova! :-)

        • Delfino scrive:

          Ciao Luisa e buongiorno a tutte!
          E’ proprio come hai detto tu: mi sono concessa solo ciò che considero proibito e reputo cibo-coccola! Infatti, se devo parlare dei miei reali gusti, adoro le verdure, la carne e il pesce, i formaggi stagionati, li ho sempre adorati e invece, come scrivevo in un altro post, i dolci (soprattutto quelli confezionati e industriali) non mi sono mai piaciuti (pensa che se mia madre faceva una torta a casa, restava lì perchè nessuno la mangiava…e non sai quante volte durante le feste e i compleanni saltavo il dolce perchè non mi piaceva!).
          Ho iniziato a sentirne la voglia solamente quando, 5 anni fa, sono venuta a conoscenza dell’esistenza delle diete, nonostante non ne avessi bisogno (e per fortuna neanche ora ho problemi di peso, ma solo di fame nervosa)…quindi per ricollegarsi al discorso: abbasso le diete e abbasso chi le promuove!
          Comunque oggi sento voglia di una bella insalatona!
          Buona giornata a tutte!
          d.

        • Luisa scrive:

          Visto? ;-)
          Buon percorso, allora! :-D

  2. Annalisa scrive:

    Buongiorno blog,
    ho trovato davvero interessante questo post, e mi ha fatto davvero riflettere sulle mie abitudini. Non tendo ad abbuffarmi fuori pasto, ma certe cose come il tè con i biscotti quando sono a casa a studiare o il pezzetto di formaggio mangiato prima di cena mentre aspetto che sia pronto sono più delle abitudini che delle reali necessità, e in effetti mi fanno anche gustare meno il pasto successivo, perchè va a finire che non mi siedo mai a tavola con un vero appetito… In questi giorni ho iniziato a ridurre gli spuntini, senza eliminarli del tutto, e devo dire che va già molto meglio!
    Per quanto riguarda la Lambertucci, non posso credere a tutte quelle sciocchezze sui carboidrati e sul dimagrire 5 kg alla settimana, altro che servizio pubblico!

  3. a scrive:

    ho fameeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

WP-SpamFree by Pole Position Marketing